I tatuaggi più brutti di sempre

I tatuaggi ormai sono diventati un must. Sembra che tutti ne debbano avere uno. E così sono sorti dal nulla tatuatori che di professionale hanno ben poco, con risultati alle volte davvero raccapriccianti.
Come abbiamo fatto le persone che si sono ritrovate con degli scarabocchi fatti male a non uccidere i tatuatori di professione, rimane un mistero.
Non ci credete? Ecco una selezione di alcuni dei tatuaggi più brutti e mal fatti di sempre!



Una tigre cubista, il sogno di ognuno di noi…

In questo caso, invece, non è possibile stabilire di che animale si tratti. Di un pericoloso felino, forse. Ma non tanto pericoloso come il tatuatore

La saga delle tigri continua… Il resto del tatuaggio ve lo abbiamo risparmiato!


Ultima tigre, lo giuriamo. Forse è un orso. Forse è qualcosa…

Magnifico esemplare di cervo in decomposizione, non c’è che dire. Da notare, poi, lo spirito natalizio…

Ultima immagine relativa agli animali, con una sola domanda: perchè?


La saga dei personaggi famosi. Di Marilyn è rimasto ben poco, al punto che la persona ha chiesto i danni al tatuatore

Questo DEVE avere un significato allegorico che noi comuni mortali non siamo in grado di comprendere…

Questo è un caso particolare. Questi tatuaggi sono fatti in questo modo apposta (da una tatuatrice brasiliana) e sembra che la sua attività vada alla grande…


Non mi ha mai spaventato prima, ma così Chucky mette davvero paura…

Una delle immagini più famose del XX secolo distrutta in pochi secondi. Mi sanguinano gli occhi

Spero solo che questo non sia Charmander…


Il noleggio è potere? Volevano forse intendere questo?

Nulla da aggiungere, se non che “mio cuggino” di cinque anni l’avrebbe fatto meglio

Al di là della qualità del tatuaggio, perché questa immagine del bambino col calzino in bocca?

Sarà stato voluto questo effetto fotocopiatrice?


Aspettative vs realtà…

Dubito che con queste ali possa mai riuscire a volare…

Senza parole

E questo è un piccolo bonus: orribile, ma per certi versi, geniale…

Lascia un commento